Il Manifesto

“I nidi del ragno che pizzica e costringe a ballarsi la vita e il dolore da esorcizzare da qualche tempo assomigliano a laboratori high-tech. Il violino è appoggiato al campionatore, la tammorra condivide lo stesso spazio dei piatti e delle macchine che pompano beats elettronici. Alla seconda prova in sala d'incisione (ma dopo una bella messe di interventi sui palchi che hanno mostrato come questa sia tutt'altro che una ipotesi teorica), i Nidi d'Arac tornano con un disco che ha il più bel sottotitolo letto di recente. Tecnologia e partiture millenarie, schegge etno-tecniche e nuovi demoni da esorcizzare, fra antiche schiavitù da scoperchiare e misfatti del capitale globale da imparare a riconoscere……APPLAUSI.”


Guido Festinese - Il Manifesto

ghostpicture